Cari Amici,

tra qualche mese si concluderà il mio mandato come Presidente federale.

Come molti di Voi già sapranno ho deciso di riproporre la mia candidatura per la Presidenza del prossimo quadriennio. I motivi di questa decisione sono molti, e sarebbe lungo qui esaminarli, ma possono tutti ricondursi alla grande passione che ho per il nostro sport, che pratico da oltre 50 anni, e quindi al desiderio di vedere una Federazione che funziona e amministra il nostro mondo al meglio.

Quattro anni or sono la fiducia che avete dato a me e a tutto il gruppo di Consiglieri che avevo proposto ci ha messo in condizione di avviare un profondo processo di riordino amministrativo: il lavoro che abbiamo fatto in questa direzione, con la massima trasparenza, è stato molto ed importante, e abbiamo già conseguito risultati notevoli.

Molto però vi è ancora da fare, ed è certamente opportuno proseguire sulla strada che abbiamo intrapreso, che è quella che ci sta consentendo di superare un 2020 problematico e di affrontare con fiducia il 2021.

Fondamentale per il successo delle attività federali continuerà ad essere la collaborazione con i Comitati e i Delegati Regionali e Provinciali, interlocutori in un continuo confronto finalizzato a individuare le migliori soluzioni applicate anche alla diverse realtà territoriali, e con le Associazioni, protagoniste della Federazione e quindi al centro di tutti i progetti e destinatarie di ogni attenzione.

Vi presento quindi il programma che intendo seguire per il prossimo quadriennio, che da un lato è la logica prosecuzione di quanto intrapreso e dall’altro tiene in attenzione i cambiamenti causati dalla pandemia, che condizioneranno attività e bilanci per un periodo che tutti ci auguriamo ancora breve.

Per non appesantire la lettura, i vari punti saranno esposti sinteticamente attraverso una breve nota che prende le mosse dalla situazione consolidata in questi anni di mandato, per proseguire con alcuni elementi descrittivi e per concludere con gli obiettivi del prossimo quadriennio e le azioni con le quali raggiungerli.

Vi confermo intanto che rinuncerò anche per il prossimo quadriennio alle indennità spettanti al Presidente federale.

1

Organizzazione e costi - le Associazioni

Maggiori informazioni

Così come era stato indicato nel programma elettorale 2017, il nuovo Consiglio Federale è partito da un’attenta revisione dei costi di gestione e ne ha quindi operato il contenimento e la riduzione spesso in modo radicale e profondo, con risultati eccezionali in tutti gli ambiti del funzionamento: costi del personale, collaboratori e consulenti, organi collegiali e servizi.

L’eliminazione di gravose consulenze, le cui attività sono state assunte gratuitamente dal Presidente e dai Consiglieri; la riduzione e riorganizzazione del personale dipendente; l’affido di forniture e servizi tramite gare d’appalto e approfondite negoziazioni; l’evoluzione informatica dei sistemi federali; l’utilizzo della modalità on-line per riunioni e corsi; sono alcune delle potenti armi utilizzate, che intendiamo affinare, grazie all’esperienza, negli anni del prossimo mandato, con l’obiettivo di completare la razionalizzazione delle spese di funzionamento e la loro riduzione.
Nell’attività sportiva e agonistica le spese si sono sostanzialmente mantenute costanti seppur a fronte dell’incremento di attività e obiettivi: promozione del Bridge, servizi nei campionati e organizzazione di eventi internazionali.
Certamente questi risultati sono stati anche il frutto di decisioni sofferte: ad esempio l’interruzione del rapporto di lavoro con un terzo dei dipendenti presenti nel 2017, ma si è trattato di interventi assolutamente necessari.

Le risorse liberate hanno consentito di incrementare il fondo di dotazione di oltre il 40% (circa 200.000 €) e di erogare il 15% in più (circa 125.000 €) in contributi alle Associazioni, che hanno potuto godere inoltre di incentivi e agevolazioni per l’attività, quali forniture gratuite di materiale tecnico e promozionale, oltre che di prezzi negoziati di acquisto per materiali di gara.

Per il 2021 il nostro Consiglio ha già stabilito che le Associazioni non paghino l’affiliazione/riaffiliazione e, come avvenuto da marzo 2020 in poi, neppure le quote tornei e simultanei fino al 15 marzo 2021 (in modo che il prossimo Consiglio possa confermare o meno tale provvedimento).
Altro obiettivo a breve termine è dotare gratuitamente le Associazioni di un sistema per i conteggi dei tornei moderno, efficiente e di semplice utilizzo, che avrà funzioni assolutamente innovative e sarà integrato con l’App MyFIGB.
La versione β del nuovo software sarà disponibile a inizio 2021 e vi chiederemo di supportarci per verificarne le funzionalità ed eventuali migliorie.

Le riduzioni di costi hanno consentito sin dal 2018 di triplicare gli investimenti in promozione rispetto agli anni precedenti. Sono state sviluppate e attuate diverse iniziative e attività e progetti quali: “Bridge, lo sport della mente”; “Uno spot per la mente” “Raduni giovanili regionali e nazionali”; “Bridge a Scuola”; “Fiere ed Eventi sul territorio” ed altre.

Il progetto dei “Raduni giovanili” – con costi di ospitalità a completo carico della FIGB – ha curato sia gli aspetti tecnico-divulgativi del gioco e della competizione, sia quelli regolamentari e comportamentali e non ultimo anche quelli della convivialità e della socialità quali elementi importantissimi per un maggiore e duraturo coinvolgimento dei giovani.

Il progetto “Bridge a Scuola” ha visto una rielaborazione ed evoluzione che ha portato a incrementare la diffusione dell’insegnamento del bridge nelle scuole e ad incentivare il tesseramento ai Centri di avviamento allo Sport delle Associazioni, arricchendone così il patrimonio atletico. Si è riprogettato il materiale didattico e varato un sistema di remunerazione degli istruttori connesso al successo delle iniziative sia in termini di corsi erogati sia di prosecuzione delle attività bridgistiche dei ragazzi a livello regionale e nazionale.

Particolare attenzione è stata data alla promozione del gioco del Bridge in fiere ed eventi ad elevata presenza specie di giovani e docenti: eventi nei quali – anche grazie alla creazione dello Scouter, una nuova figura per l’insegnamento divulgativo di base – sono state impartite lezioni a circa 1.500 partecipanti. Grazie a questo tipo d’iniziativa un consistente numero di docenti ha attivato corsi BaS nei propri istituti.

Come già fatto in questi anni di mandato, si continuerà nella produzione, secondo una specifica e identificabile linea editoriale, di materiale divulgativo, che sarà messo a disposizione gratuitamente delle Associazioni e degli Istruttori.

Obiettivo essenziale anche per il prossimo futuro sarà rendere il nostro sport “noto”: le persone devono sapere che il Bridge esiste e di cosa si tratta e questo grazie all’intensa attività dell’Ufficio Stampa attraverso promozione su quotidiani e tv nazionali e regionali.

La Promozione è vitale per il futuro. Le linee seguite in questi anni hanno portato importanti risultati: l’aumento del tesseramento in controtendenza rispetto a tutti gli anni precedenti ci ha confortato.

Proseguiremo nei progetti descritti e porteremo la FIGB ad avere massima cura e attenzione per tutte quelle persone che, a vario titolo e con varie modalità, si affacciano per la prima volta al nostro mondo; ad esempio mettendo a disposizione delle  Associazioni e degli Insegnanti – destinatari e fruitori di tutti gli sforzi promozionali effettuati dalla FIGB – le informazioni necessarie per interagire con le persone raggiunte dalla promozione federale.

Svilupperemo la diffusione del Bridge nelle scuole secondarie e nelle Università, fino a effettuare selezioni per la Squadra Nazionale Universitaria.

3

Bridge on-line

Maggiori informazioni

L’emergenza CoViD e lo stravolgimento delle abituali modalità di partecipazione alle competizioni e ai corsi di formazione e aggiornamento hanno spinto la FIGB per la prima volta nella sua storia a sviluppare e adottare modalità on-line per consentire, seppur in nuova forma, la continuità delle attività.

E’ stato avviato ed erogato gratuitamente – fin dal lockdown di marzo e poi dopo l’estate – un progetto di formazione on-line che ha visto stabilmente avvicinarsi al Bridge oltre 300 persone.

La Federazione sta sviluppando una propria piattaforma per il gioco e per la didattica on-line, che potrete sperimentare in versione β a inizio 2021, in modo che le Associazioni possano fornire consigli per gli eventuali miglioramenti e per gli ulteriori sviluppi.

Nel frattempo la FIGB ha individuato nella piattaforma virtuale RealBridge le caratteristiche idonee per ospitare, in considerazione dell’eccezionalità del periodo che stiamo vivendo e in via sperimentale, tornei locali ufficiali organizzati on-line dalle Associazioni.

L’idea dell’adozione di una piattaforma virtuale ha attraversato molte delle precedenti gestioni senza essersi mai concretizzata perché tale percorso porta con sé il rischio di allontanare i tesserati dalle Associazioni ed anche il timore che l’attività on-line possa consentire, in misura più o meno facile a seconda delle caratteristiche dell’ospite, il cheating.

Lo sviluppo di Internet ha modificato la socialità; nel mondo del Bridge questo ha accentuato la riduzione della valenza conviviale di quelli che un tempo erano i circoli, i club e poi le Associazioni Sportive, portando nel frattempo un consistente numero di giocatori, tesserati e non, a praticare il Bridge virtuale.

L’iniziativa sperimentale di RealBridge offre elementi di socialità e un discreto livello di controllo della regolarità del gioco grazie alla presenza delle webcam e dell’audio per tutti giocatori. Rappresenta quindi un’opportunità che non si può perdere in attesa del completamento della piattaforma federale. L’utilizzo delle piattaforme di gioco on-line, una volta passate le restrizioni anti CoViD, verrà deciso di concerto e nel primario interesse delle Associazioni.

Il principio è uno soltanto: il gioco on-line è accettabile solo se e nella misura in cui giova alle Associazioni.

4

Comunicazione

Maggiori informazioni

La FIGB nell’ultimo quadriennio ha posto particolare attenzione alla comunicazione verso il mondo del Bridge; attenzione che ha portato a innovare e riorganizzare completamente i canali di comunicazione verso i bridgisti e gli affiliati.

La più importante innovazione di questi anni è la creazione dell’App MyFIGB: grazie alla sua adozione gli utilizzatori possono avere notizie su classifiche, prossimi eventi e sull’universo del Bridge. In particolare, l’app è di eccezionale impiego ed utilità nelle competizioni nazionali, nel corso delle quali consente ai partecipanti di avere grazie alle notifiche in tempo reale tutte le informazioni relative alla gara, quali graduatorie, posizioni, score.

La Rivista federale Bridge d’Italia è stata ripensata tenendo conto che oggi l’informazione cartacea non può competere in quanto a tempestività con il tempo reale della comunicazione Internet: la Rivista federale è oggi un “appuntamento” unico di fine anno con gli appassionati, un album per ripercorrere l’anno trascorso e le emozioni vissute, tra articoli di tecnica e colore.

La consapevolezza dell’importanza della comunicazione digitale ha portato alla rivisitazione in chiave sia grafica che funzionale dei siti federali, uno istituzionale e l’altro per i contenuti editoriali. Il tutto ha portato oltre 3 milioni di contatti, con 50 milioni di pagine visitate all’anno.

Ulteriori iniziative hanno portato alla creazione di newsletter differenziate per tipologia di destinatari e argomenti e alla creazione di due @mail istituzionali dedicate alle domande tecniche e generali dei tesserati.

La FIGB riceve oltre 50.000 e-mail all’anno, alle quali le persone di riferimento per i diversi settori e ambiti di attività danno puntuale risposta.

Per migliorare ulteriormente la comunicazione con gli Affiliati, le circolari ufficiali, pubblicate sul sito federale, vengono inviate a destinatari differenziati in base all’argomento e nelle comunicazioni e/o circolari delle specifiche attività vengono indicate le persone di riferimento per i vari ambiti.

L’obiettivo per il prossimo quadriennio è essere ancora più vicini alle Associazioni e ai Tesserati con forme di comunicazione sempre più accattivanti: siamo pronti ad esempio ad utilizzare l’App federale come canale diretto di comunicazione non soltanto durante i Campionati.

5

Agonisti e Tesserati: Categorie e Serie

Maggiori informazioni

Abbiamo in questi anni implementato e sviluppato i sistemi e i parametri che governano le categorie/serie dei tesserati, con l’obiettivo di aumentare il valore delle competizioni agonistiche: sono stati notevolmente incrementati i punteggi per i Campionati ed è stata introdotta la categoria Honors.

Accanto al sistema “punti federali”, che prevede l’assegnazione delle categorie fino alla Prima Picche in funzione dei punti dell’attività amatoriale tornei/simultanei e dei punti dell’attività agonistica e incentiva i tesserati alla partecipazione, così alimentando per una parte vitale le Associazioni e la FIGB, è stato quindi varato il sistema “Honors e Master”, che riconosce i risultati agonistici ed esprime l’inquadramento di alto livello.

L’attuale sistema ha mostrato in questi anni una buona logica di funzionamento ed è stato ampiamente apprezzato; pertanto al netto di eventuali modifiche di parametri o tabelle rimarrà come impianto di governo per l’assegnazione delle categorie/serie dei tesserati.

L’esperienza di questi ultimi mesi e la convivenza con restrizioni e lockdown hanno portato la FIGB ad orientare alla modalità on-line la maggior parte delle attività federali del settore insegnamento; con tale mezzo sono stati organizzati corsi di formazione e aggiornamento, con sessioni specifiche finalizzate a fornire agli Istruttori gli strumenti per effettuare “didattica a distanza” (DAD), che hanno avuto grande successo e molte richieste per la prosecuzione con le stesse modalità anche a pandemia finita.

Sicuramente la FIGB e tutti noi individualmente abbiamo vissuto e apprezzato le potenzialità delle attività a distanza, anche se al contempo rimane centrale e per certi versi insostituibile la dimensione in presenza.

La formazione degli istruttori iscritti all’Albo e la difesa dei loro ambiti di azione sono elementi indispensabili a garanzia della preparazione dei giocatori del futuro.

Altrettanto vitale è l’impiego di figure che effettuino la divulgazione di base a fini promozionali, funzionale ad alimentare proprio le Scuole Bridge delle Associazioni e i corsi tenuti da Professori, Maestri e Istruttori federali.

Per il prossimo futuro, avendo fatto tesoro dell’esperienza del periodo pandemico, le attività di didattica e formazione saranno animate da una formula “mista”, adottando un innovativo progetto di didattica in cui l’efficacia delle attività a distanza verrà coniugata, ove possibile e opportuno, con l’insostituibile elemento di quella in presenza.

Sarà completata la definizione dei campi di attività degli Istruttori dell’Albo, e degli Operatori del Registro Societario e degli Scouter, con distinzione dei relativi percorsi formativi, incarichi e retribuzioni ove utilizzati dalla FIGB.

Le riflessioni, le indicazioni e le esperienze fatte per gli Insegnanti riguardano anche gli Arbitri. Anche nel settore arbitrale le attività formative e di aggiornamento nell’ultimo periodo sono state erogate per la maggior parte in modalità on-line. Tale mezzo era già stato in parte utilizzato negli ultimi anni (pre-Covid).

Per il prossimo mandato abbiamo due obiettivi principali: da un lato sviluppare – anche in virtù della didattica a distanza – la formazione e l’aggiornamento per coloro che intendono crescere professionalmente nel percorso arbitrale e dall’altro dotare di tutti gli strumenti coloro che sono interessati a supportare esclusivamente l’attività delle Associazioni.

8

Squadre nazionali

Maggiori informazioni

Nel quadriennio passato la FIGB ha adottato criteri diversi di designazione tenendo conto delle peculiarità e del parco giocatori di ciascuna specialità. L’analisi delle esperienze ha portato alla conclusione che una formula adatta a ogni esigenza, contesto e momento in realtà non esista e pertanto occorra muoversi con buon senso secondo la realtà contingente.

Per questo, al momento, il programma di gestione delle Squadre Nazionali riteniamo debba prevedere, a partire dal 2022, selezioni a squadre per tutte le Nazionali maggiori – Open, Femminile, Senior, Mista – per i Campionati Europei e per le “Olimpiadi”, mentre ai Mondiali parteciperanno, salvo casi particolari, le formazioni che vi hanno ottenuto la qualificazione.

Per Europei e Mondiali 2021 ci si affiderà invece ai progetti, già avviati per gli eventi 2020 poi cancellati causa CoViD, proseguiti nell’anno con numerose sessioni di allenamento.

Caso a parte per la Nazionale Open per la quale si procederà a una selezione a squadre di libera formazione anche per il 2021, essendo venute meno le condizioni per l’attuazione del progetto avviato.

Logica conseguenza delle scelte programmatiche sopra dette é che non si prenderà in considerazione la costituzione di alcun tipo di c.d. Club Azzurro per nessuna Nazionale maggiore, fermo restando che le formazioni che avranno acquisito il diritto di rivestire la maglia della Nazionale potranno esser seguite da un Coach federale nelle attività di allenamento fino al momento della prevista competizione.

Per le Nazionali Giovanili si manterrà la designazione ad opera di Commissari Tecnici; il settore giovanile manterrà l’attuale assetto di “vivaio aperto” sotto la guida di tecnici che svolgeranno le funzioni di scouter, istruttori, allenatori e selezionatori.

9

Campionati e Simultanei

Maggiori informazioni

Nel programma del quadriennio 2017-2020 avevamo preso l’impegno di una revisione profonda della struttura e del numero dei Campionati con conseguente riduzione dei week-end nei quali i tesserati sono impegnati e delle tipologie di pagamento in modo da commisurarle all’effettivo impegno agonistico dei tesserati.

Le scelte effettuate hanno centrato l’obiettivo; la loro correttezza, adottata fin dal 2018, è dimostrata dall’enorme aumento di partecipazione che si è registrato sia a livello regionale che nazionale.

Per quel che riguarda la revisione e l’ottimizzazione delle competizioni abbiamo proceduto all’accorpamento a livello regionale delle Serie Promozione dei Campionati a Squadre e a Coppie di Società Open/Femminili/Miste con i rispettivi Campionati Regionali; l’accorpamento della Finale di Coppa Italia Over62 con i Campionati Assoluti a Coppie Libere Open/Femminili; la cancellazione del Campionato Individuale, del Campionato Ordinari e della Coppa Italia di Seconda Categoria.

Per quel che riguarda la personalizzazione dei piani di pagamento secondo le proprie scelte di attività sportiva, si è eliminato il previgente regime di forfait obbligatorio stabilendo l’introduzione delle quote di iscrizione per singolo Campionato e per Fase (in tutte le gare che prevedevano più Fasi nello stesso anno o più gare nello stesso evento).

Sono stati inoltre introdotti abbonamenti per favorire chi partecipa a molte competizioni nazionali e riduzioni per gli atleti delle regioni più distanti dalla sede di gara.

Tale assetto, salvo necessità o imprevisti nascenti dalla attuale straordinaria contingenza, verrà confermato per i programmi agonistici del prossimo quadriennio. Questo non solo in  considerazione del successo della nuova pianificazione, ma anche del fatto che da  un’attività agonistica equilibrata ed intensa le Associazioni hanno ritorni in termini di tessere e quindi soci, partecipazione ai tornei anche come allenamento e vita associativa; in una parola: movimento!

La Fasi Regionali continueranno ad essere ospitate in massima parte dalle Associazioni, arricchendole così di introiti e stimoli alla condivisione e alla conoscenza e socializzazione dei giocatori, “nutrendo” di linfa vitale il mondo del Bridge.

Per quanto riguarda l’organizzazione in via prevalente degli eventi nazionali a Salsomaggiore Terme,  questa cittadina permette di offrire ai giocatori condizioni altrove impareggiabili: alberghi di tutte le fasce di prezzo (che per contratto abbiamo imposto essere pubblicate in trasparenza) e disponibilità a supportare i bridgisti e i loro orari.

Completano l’accoglienza la gratuità di utilizzo del Palazzo dei Congressi e di un grande magazzino con possibilità di accedere in qualunque momento. L’accordo riconosce alla FIGB un importante contributo economico  con carattere di flessibilità e prevede, in caso di riduzione delle presenze, un decremento proporzionale del contributo.

Per questi motivi organizzare la stessa mole di eventi altrove sarebbe infinitamente più complicato ed economicamente assai oneroso, e certamente meno gradito ai partecipanti come hanno dimostrato numerose esperienze passate (Fiuggi, Caserta, Montecatini). Salsomaggiore Terme continuerà quindi ad essere il centro di riferimento, ferme restando le condizioni di maggior favore. Il Festival Over, che risponde ad una logica sportivo-vacanziera, manterrà le proprie caratteristiche

Abbiamo come progetto di affiancare alla gare tradizionali Allievi il Campionato Italiano Societario Scuole Bridge, che contribuirà a sviluppare negli Allievi il senso di appartenenza alla propria Scuola e alla propria Associazione ed a fidelizzarli.

Un’altra iniziativa in definizione è l’organizzazione, per le Associazioni interessate, di un Simultaneo alla settimana con classifiche IMPs, in parallelo con il consueto simultaneo MPs (top/zero), con consona assegnazione di punteggi.

10

Tornei nazionali e internazionali

Maggiori informazioni

Abbiamo sostenuto l’organizzazione di tornei nazionali ed internazionali; fin dal 2018 abbiamo ripreso con ottimo successo l’organizzazione diretta del Torneo Internazionale Città di Milano e, per incentivare lo sviluppo dei Tornei Nazionali e Internazionali  azzerato la tassa federale di omologazione (che prima era pari all’8% dell’incasso lordo).

Nel 2020 erano in programma a organizzazione FIGB, oltre il Torneo Internazionale Città di Milano, anche il Nazionale a squadre di Giardini Naxos e il “Città di Roma”, poi purtroppo saltati causa emergenza Covid.

L’aumento dei punteggi federali, opportuno per le competizioni con partecipanti di alto livello, ha contribuito ad accrescere l’interesse di tutti i tesserati per questi eventi; nel 2020 abbiamo introdotto per le Associazioni la gratuità per la pubblicazione di un banner sui siti FIGB e, per il 2021, di qualsiasi numero di banner.

Il futuro è sicuramente proseguire sulla strada, risorse e Covid permettendo, di organizzare direttamente o favorire sul territorio italiano la presenza di Tornei Nazionali e Internazionali o grandi tornei ed eventi speciali organizzati dalle Associazioni, con la disponibilità a fornire gratuitamente e su semplice richiesta il materiale (computer, monitor, bridgemate, proiettori, board, carte, gadget) necessario per lo svolgimento di queste competizioni.